Labirinto della Masone: Al via oggi "il Filo d'Arianna", la fiera del libro antico

“Con i suoi portici, il suo Museo, la sua Biblioteca il mio Labirinto sarà la cornice ideale di una manifestazione dedicata a libri di pregio antichi e moderni cui pensavo dal momento in cui lo concepii e lo disegnai: non sarebbe del tutto sbagliato dire che, almeno in parte, è stato progettato e costruito apposta”.
Franco Maria Ricci

Mostra e mercato
22-23-24 marzo 2019

Labirinto della Masone
Strada Masone 121, Fontanellato (PR)
http://www.labirintodifrancomariaricci.it/


 

Download

Nella splendida cornice che è il suo Labirinto della Masone, Franco Maria Ricci, editore, collezionista e bibliofilo, ospita la prima edizione de Il filo d’Arianna, mostra mercato di libri antichi e moderni da lui fortemente voluta e ideata quale occasione per permettere ai migliori librai di mostrare i loro tesori e a curiosi, appassionati e collezionisti di poterli ammirare, sfogliare e acquistare


Il Labirinto della Masone, parco culturale e punto d’incontro vivace e cosmopolita, ospita più di 5.000 metri quadrati di spazi destinati alla collezione d’arte di Franco Maria Ricci, ai libri curati dalla casa editrice in cinquant’anni di attività e alle mostre temporanee. La corte centrale, con i suoi ampi saloni e i suoi porticati, dal 22 al 24 marzo si offrirà come luogo di esposizione di libri antichi a cura dei soci A.L.A.I. (Associazione Librai Antiquari d’Italia), e di I.L.A.B. (International League of Antiquarium Booksellers), ma anche di modernariato librario e di editori scelti; ospiterà visite guidate, attività per bambini e famiglie e conversazioni bibliofile organizzate da un comitato scientifico* composto da personalità autorevoli nell’ambito dell’editoria di pregio.


Le tre giornate saranno anche l’occasione per visitare la mostra della collezione bodoniana di Franco Maria Ricci, la più completa al mondo in mani private, normalmente chiusa al pubblico, che raccoglierà una ventina di opere accuratamente selezionate, capolavori e rarità di Giambattista Bodoni (1740-1813), da sempre motivo di ispirazione per Ricci.


Saranno in mostra, tra gli altri, le Feste, uno dei più bei libri italiani, stampato nel 1769 in occasione delle nozze del duca di Parma Ferdinando I di Borbone con Maria Amalia d’Asburgo-Lorena, con incisioni di Volpato e Bossi; Epithalamia exoticis linguis reddita, che celebra invece le nozze di Carlo Emanuele II di Savoia e Maria Clotilde di Francia nel 1775 e che conta 25 caratteri orientali diversi; il rarissimo Cyrilli..Cyperus Papyrus, acquerellato a mano, realizzato da Bodoni per il medico e patriota napoletano


Domenico Cirillo e quasi introvabile a causa di un drammatico evento: un incendio nella casa del medico ne distrusse la maggior parte delle copie.


E poi, la Descrizione del dipinto a buon fresco…dal sig. cavaliere Andrea Appiani, con le armi di Napoleone sulla legatura, che ne indicano l’appartenenza alla biblioteca privata dell’imperatore, e il celeberrimo Manuale Tipografico, pubblicato postumo dalla vedova nel 1818, che raccoglie tutti caratteri tipografici utilizzati da Bodoni stesso. Il Manuale sarà oggetto anche della mostra per il bicentenario Segni Esemplari, visibile nei giorni della manifestazione presso la Biblioteca Palatina di Parma.


Al Labirinto, ancora, la mostra Pagine da Collezione è dedicata ai libri d’artista raccolti da Corrado Mingardi e donati recentemente alla Fondazione Cariparma, con alcune delle pagine più belle della storia dell’arte del XIX e XX secolo firmate da grandi artisti come Delacroix, Manet, Toulouse-Lautrec, Matisse, Picasso, Braque, Giacometti e Andy Warhol.


All’inaugurazione della Fiera, fissata per venerdì 22 alle ore 18, seguirà alle ore 20 la Cena dei Bibliofili.


I piatti, appositamente pensati dallo chef Massimo Spigaroli, saranno ispirati sia dalla tradizione letteraria, faranno riferimento a scrittori e ricette diventate celebri o citate in opere letterarie, sia dalle eccellenze del territorio che verranno valorizzate e contestualizzate con citazioni, letture, aneddoti.


A condurre la serata il giornalista Stefano Salis, con interventi dell’italianista dell’Università di Bologna Gino Ruozzi e del sommelier, bibliofilo, viticoltore Giovanni Gregoletto che proporrà gli accoppiamenti dei vini, che verranno serviti in particolari caraffe ispirate dagli insetti nocivi alla vite e prodotte dal mastro vetraio Massimo Lunardon. Agli intervenuti alla cena verrà dato in dono un libretto in edizione limitata che riporterà il menu, citazioni e testi degli interventi.


La giornata di sabato 23 sarà invece animata dalle conversazioni tenute ancora da Stefano Salis, che parlerà dell’opera Jazz, di Matisse, nell’incontro “Jazz di Matisse il sogno realizzato dei libri d’artista nel ‘900”; da Corrado Mingardi, collezionista dei libri d’artista esposti e non solo, che intratterrà i partecipanti sul tema; e infine, da Pedro Catédra, dell’Università di Salamanca, che illustrerà la mostra di Bodoni esposta alla presenza di Franco Maria Ricci.


La data conclusiva di domenica 24 sarà invece dedicata alle famiglie: attività a tema bibliofilo per bambini e ragazzi animeranno gli spazi del Labirinto per l’intera giornata.


 


Orari
Venerdì 22 - Inaugurazione ore 18 fino alle 20


Sabato 23 – domenica 24: dalle 9.30 alle 18


L’accesso alla manifestazione Il Filo d’Arianna è incluso nel biglietto d’ingresso del Labirinto della Masone (intero 18 euro, riduzioni indicate sul sito www.labirintodifrancomariaricci.it) che comprende anche l’accesso al labirinto di bambù e alla collezione permanente di Franco Maria Ricci.