Labirinto della Masone: Under the Bamboo Tree, 13 e 14 ottobre

Sabato 13 e domenica 14 ottobre torna al Labirinto della Masone Under the Bamboo Tree, l’appuntamento annuale dedicato al bambù, arricchito, alla sua terza edizione, da diverse e importanti novità.


Due giorni di incontri, convegni, installazioni e laboratori

Il primo concorso internazionale dedicato alla progettazione e realizzazione di oggetti di design in bambù:
Bamboo Rush

Download

Nei due giorni alla scoperta di questa pianta dalle mille virtù, in un luogo che ha proprio nel bambù uno dei principali motivi di originalità (il Labirinto della Masone, creato da Franco Maria Ricci, è il più grande al mondo ed è costituito da circa 200.000 piante di bambù), i convegni di esperti internazionali saranno affiancati da workshop, esposizioni, laboratori e sorprese gastronomiche e musicali a tema.

La manifestazione - organizzata in collaborazione con AIB(Associazione Italiana Bambù) e ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Firenze) - sarà aperta, sabato 13 ottobre, da un ciclo di conferenze nel quale i relatori porranno un focus particolare sull’impiego del bambù nell’ingegneria e nell’architettura.
Co-organizzate dell’Ordine degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Parma e dall’Ordine degli Ingegneri di Parma, le conferenze saranno moderate da Cristina Gabetti, che dal 2014 conduce all’interno del TG satirico Striscia la Notizia, “Occhio al futuro”, rubrica che la porta in contatto con innovatori alla ricerca di soluzioni alle grandi sfide dell’umanità.
Si alterneranno relatori da tutto il mondo: da Mauricio Cardenas Laverde, architetto colombiano da tempo in Italia, che prendendo spunto dalla sua esperienza decennale nell’utilizzo del bambù nel design e nelle costruzioni ne esaminerà i motivi di innovazione, a Marco Fabiani, ingegnere dottore di ricerca presso l’Università Politecnica delle Marche, che racconterà l’ingegneria del bambù attraverso le esperienze di laboratorio presso le facoltà di ingegneria di Ancona e di Bologna, passando per Marco Imperadori, professore Ordinario di Produzione Edilizia al Politecnico di Milano, che esaminerà le possibilità di progettazione e innovazione tecnologica col bambù.
Seguiranno gli interventi di Luis Felipe Lopez, ingegnere strutturale colombiano, sulle applicazioni strutturali del bambù; di Giorgio Monti, professore Ordinario di Tecnica delle Costruzioni all’Università La Sapienza di Roma, che presenterà i risultati di una collaborazione pluriennale con la Hunan University in Cina che ha condotto allo sviluppo di varie tecnologie innovative per la realizzazione di strutture leggere in GluBam; di Emanuele Montibeller, direttore artistico di Arte Sella, che illustrerà la relazione tra arte e natura nella presenza asiatica ad Arte Sella. E infine, Francesca Parotti, Ingegnere e docente presso l’ISIA (Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Firenze) affronterà il tema della progettazione architettonica responsabile da effettuare tramite il bambù.

A chiudere la prima giornata di Under the Bamboo Tree sarà la premiazione del concorso internazionale Bamboo Rush per la progettazione e realizzazione di un oggetto di design in bambù.
Il concorso, organizzato in collaborazione con AIB e ISIA, vuole essere uno stimolo all’utilizzo del bambù nei prodotti di design ad uso domestico o destinati a spazi pubblici, nonché alla valorizzazione delle proprietà tecniche ed estetiche del bambù.
La giuria è composta, oltre che da Franco Maria Ricci, da diverse personalità legate al mondo dell’architettura e del design, che da tempo credono nell’importanza del bambù: Michela Bucciarelli (designer), Daniela Ducato(bioimprenditrice), Giuseppe Furlanis (direttore ISIA–Istituto Superiore per le Industrie Artistiche di Firenze), Giulio Iacchetti (industrial designer), Emanuele Montibeller(direttore artistico Arte Sella) e Patrizia Pozzi (landscape designer).
I lavori proposti saranno esposti domenica nella sala Calvino del Labirinto della Masone.

Ad affiancare le conferenze, per tutti e due i giorni, saranno numerosi espositori, che con i loro stand uniti a laboratori e dimostrazioni, animeranno i portici della Corte Centrale, nel cuore del Labirinto.
Al centro della Corte ci sarà un’installazione di bambùrealizzata dagli studenti del Politecnico di Milano sotto la guida di Marco Imperadori e Maurizio Cardenas: un particolare e suggestivo tunnel di bambù da percorrere a piedi nudi, al termine del quale il pubblico potrà assistere a un concerto della Scuola Italiana Flauti di bambù.
Sotto al porticato ci saranno espositori con diversi tipi di oggetti realizzati in bambù, da tappeti a tende e un’esposizione di preziosissimi cesti antichi realizzati dall’artista giapponese Kazuko Hase.
E ancora i laboratori: tenuti dall’associazione Bambuseto, che coltiva e lavora il bambù in Versilia, grandi e piccini potranno lavorare, sotto la guida degli esperti, piccoli oggetti in bambù.

Nel pomeriggio di domenica lo chef stellato Massimo Spigaroli, titolare della bottega e del ristorante nella Corte del Labirinto della Masone, terrà uno show - cooking di un menù interamente a tema bambù.

Due giorni ricchi di opportunità per conoscere da vicino una pianta straordinaria in un luogo unico al mondo, vivace e animato dalla presenza di un pubblico curioso e appassionato.

Informazioni
La partecipazione alle conferenze e alla manifestazione in generale è inclusa nel costo del biglietto d’ingresso del Labirinto della Masone, che dà diritto anche all’accesso al labirinto di bambù, alla Collezione d’Arte di Franco Maria Ricci, e alla mostra temporanea Tesori d’Oriente.
Indirizzo:
Strada Masone 121
Fontanellato
Parma
Mail: labirinto@francomariaricci.com
Tel: 0521827081
Sito: www.francomariaricci.it


La giornata del 13 ottobre sarà, per entrambi gli Ordini co-organizzatori, una giornata formativa riconosciuta, per i professionisti partecipanti, con crediti formativi.