Monteverdi festival chiude con "La Patienza di Socrate con due mogli" di Antonio Draghi


Il 21 e 22 giugno al Teatro Ponchielli di Cremona, ore 21


Per informazioni e prenotazioni :


0372 022001/02
www.monteverdifestivalcremona.it
www.teatroponchielli.it

Download

Dopo uno straordinario successo di pubblico e di musica, il 22 giugno si concluderà il festival Monteverdi. Anche quest’anno non sono mancati ospiti internazionali e musicisti di prestigio, che si sono esibiti sui palcoscenici rappresentati, tra le altre location, dalla Chiesa di S. Marcellino, dal Teatro Ponchielli e dall’Auditorium del Museo del Violino. L’oramai consueto ottimo riscontro è stato raccolto anche dalla Crociera musicale sul Po che, ad arricchire un’offerta già più che diversificata, ha accompagnato i naviganti alla scoperta delle tre città monteverdiane per eccellenza: Cremona, Mantova e Venezia.

L’ultimo appuntamento che chiude l’edizione 2018 darà invece spazio alle giovani promesse: un imperdibile concerto giovedì 21 giugno, in replica venerdì 22, alle ore 21.00 al Teatro Ponchielli, vedrà gli allievi dell’Orchestra Barocca e i giovani cantanti del Conservatorio “L. Campiani” di Mantova portare in scena La patienza di Socrate con due mogli di Antonio Draghi assieme agli studenti del corpo di ballo del Dipartimento di Musicologia di Cremona (Seminario di danze storiche). L’opera, uno “scherzo drammatico per musica” che Draghi, Kapellmeister alla corte asburgica, scrisse per Vienna in occasione del suo trasferimento a Praga per sfuggire alla peste intorno al 1679/1680, sarà realizzata per la regia e la coreografia dalla musicologa e danzatrice barocca Ilaria Sainato, mentre la concertazione e la direzione saranno affidate all’eclettico Roberto Perata.

Una produzione del Teatro A. Ponchielli di Cremona in collaborazione con il Conservatorio di Musica L. Campiani di Mantova e del Dipartimento di Musicologia e Beni Culturali di Cremona.