Centro Studi Erickson: Convegno internazionale "Autismi, benessere e sostenibilità", a Rimini 4 e 5 maggio

Il punto sull'autismo: ricerca scientifica, modelli di intervento, strumenti operativi
Il progetto ASDEU e il modello di intervento di Parent Training


4 e 5 maggio 2018
6° Convegno internazionale Erickson
Palacongressi di Rimini


Il programma completo al sito https://eventi.erickson.it/convegno-autismi/Programma

Download

Il punto sull'autismo: ricerca scientifica, modelli di intervento, strumenti operativi
Il progetto ASDEU e il modello di intervento di Parent Training


Il 4 e il 5 maggio il Centro Studi Erickson organizza al Palacongressi di Rimini il 6° Convegno Internazionale “Autismi, benessere e sostenibilità”: lo scopo dell’appuntamento è proprio quello di porre l’attenzione sui progressi scientifici, proporre modelli di intervento e strumenti operativi per fare il punto sulla situazione dei disturbi dello spettro autistico, su cui sono anche diffuse molte false notizie.


La complessità e le sfaccettature dello spettro autistico ci chiedono un aggiornamento continuo su nuovi dati e nuove ipotesi. È quello che si propone di fare Erickson con “Autismi. Benessere e sostenibilità” in tre macro ambiti principali: clinico, didattico educativo e culturale e sociale. Le giornate sono state strutturate per consentire a tutti i partecipanti di costruirsi un percorso personalizzato in base alla propria professionalità e ai propri interessi.


Tra le grandi novità presentate al Convegno ci saranno lo studio di ASDEU - Autism Spectrum Disorders in the European Union, progetto biennale presentato da Antonio Narzisi (Dirigente Psicologo dell’IRCCS Stella Maris), promosso e finanziato dal Ministero della Salute, che porta oggi in Italia la prima fotografia ufficiale della prevalenza dello spettro autistico: 1 bambino italiano su 100 è colpito da autismo; e tra i nuovi programmi di intervento il Modello RUBI – Research Unit For Behavioral Parent Training Model, l'unico modello evidence-based presente attualmente per il trattamento di bambini e adolescenti con autismo che esibiscono gravi problematiche comportamentali (come aggressività auto ed eterodiretta, comportamenti distruttivi, noncompliance), presentato da Valentina Postorino (Psicologa Clinica e dell’Età Evolutiva, Mental Health Clinic di Denver).


La giornata di venerdì 4 maggio focalizzerà l’attenzione sull’importanza di una diagnosi e individuazione precoce dei disturbi dello spettro autistico. Sarà dedicato ampio spazio al tema dell’inclusione scolastica e si parlerà anche della diffusione di falsi miti e fake news, della selettività alimentare, del problema dell’autolesionismo e dell’aggressività. A concludere sarà l’autonomia possibile al centro della riflessione.


La mattina di sabato 5 maggio fornirà strumenti utili ad affrontare i comportamenti di iperattività, ritualità, esplosività, tipici dell’autismo. Le persone all’interno dello spettro autistico presentano caratteristiche peculiari, alcune (come memoria, competenze visuo-spaziali, precisione) possono facilitare l’apprendimento, mentre altre (come iperattività, variabilità dell’umore, scarsa empatia) fanno da ostacolo.
Seguiranno interventi sull’importanza di una reale inclusione scolastica e lavorativa. Centrale sarà l’argomento bullismo, fenomeno sociale che colpisce spesso i ragazzi e le ragazze con la sindrome di Asperger. Pertanto, l’educazione al rispetto dell’altro e programmi che coinvolgano l’intera scuola rappresentano importanti strumenti di prevenzione. Il Convegno si concluderà con il workshop: il gioco tra divertimento e terapia, il gioco permette di avvicinarsi al mondo del bambino e capire il modo in cui lo percepisce.