Fondazione Sgarbi: "Il viaggio della Regina di Saba" di Agostino Tassi in mostra dal 10 marzo

La mostra “La Collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell’Arca a Gaetano Previati. Tesori d’arte per Ferrara” si arricchisce di un capolavoro e di una storia: "Il viaggio della Regina di Saba" di Agostino Tassi




Il prossimo 12 marzo ricorre il 374° anniversario della morte di Agostino Tassi, pittore più che mai controverso.

Download

Originario di Ponzano Romano, tardo manierista piuttosto originale, Tassi ha saputo reinterpretare con estro la pittura nordica con cui era in contatto. 
La sua fama è legata a una vicenda che allo stesso tempo lo consacra come artista e lo degrada come uomo. Importante, infatti, fu per la sua carriera la collaborazione con Orazio Gentileschi, col quale lavorò (dal 1611 al 1612) alla volta delle Muse del Palazzo Pallavicini Rospigliosi a Roma e dal quale fu generosamente ospitato in quel periodo. Ma Tassi non tardò a dimostrarsi un uomo brutale, colpevole di aver violentato la giovane figlia dell’amico, Artemisia Gentileschi.


La vicenda, denunciata solo molto più tardi dal padre della pittrice, ha profondamente inciso sulla visione che oggi la critica ha di questo artista, il quale è sfuggito alla condanna (era stato esiliato per cinque anni da Roma), tornando dopo solo qualche mese a Bagnaia, un paesino vicino alla città.
Nelle opere di Artemisia, segnata da questa violenza, si ricercano ancora le tracce psicologiche di quanto è accaduto. Ma la pittrice, sposatasi dopo lo stupro, è poi stata la prima donna – giovanissima – ad essere ammessa alla prestigiosa Accademia del Disegno di Firenze, lasciando così traccia e ricordo di sé nel mondo dell’arte per il suo talento e non per la sua storia personale.
Storie di rivalità e di antagonismo fra artisti sono piuttosto comuni. E questa, di violenza brutale e senza appello, è per di più estremamente attuale. Eccezionalmente, dopo molti secoli, in occasione della mostra della Collezione Cavallini Sgarbi, e nella coincidenza della ricorrenza dell’anniversario della morte, si ritrovano insieme, riuniti nella stessa collezione, la vittima e il carnefice: Agostino Tassi e Artemisia Gentileschi. L’opera di Agostino Tassi sarà esposta in mostra a partire dal 10 marzo.


Il percorso di oltre 130 opere, che già ospita la straordinaria Cleopatra di Artemisia Gentileschi, si arricchisce di una nuova tela: Il viaggio della Regina di Saba di Agostino Tassi.


La mostra “La Collezione Cavallini Sgarbi. Da Niccolò dell’Arca a Gaetano Previati. Tesori d’arte per Ferrara” è promossa dalla Fondazione Elisabetta Sgarbi, in collaborazione con la Fondazione Cavallini Sgarbi, il Comune di Ferrara, sotto il patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Emilia-Romagna, e si avvale del contributo di partner privati: Bonifiche Ferraresi, Genera Group, Fondazione Cariplo. 
La mostra, inaugurata lo scorso 3 febbraio, resterà aperta fino al 3 giugno 2018 nella splendida e ricca cornice del Castello Estense di Ferrara, e sta riscontrando un ottimo successo di pubblico e di critica. 



La mostra è a cura di Pietro Di Natale.

Il catalogo della mostra è pubblicato da La nave di Teseo editore.

Comunicazione e grafica a cura di Studio Cerri & Associati.

Allestimento a cura di ReallizzArte e Studio Volpatti.


Orari di apertura

Dal lunedì al venerdì 9.30 - 17.30

Sabato e domenica 9.30 - 18
Chiusura posticipata alle 18.30 nelle seguenti date:

31 marzo; 1, 2, 25, 28, 29, 30 aprile; 1 maggio; 1, 2, 3 giugno.

La biglietteria chiude 45 minuti prima.


Biglietti

Intero € 12

Ridotto (dai 12 ai 18 anni, over 65) € 8

Scuole medie e superiori € 7

Bambini dai 6 ai 12 anni € 5
Gratuito sotto ai 6 anni

Family: per ogni adulto pagante, un minore ha l'ingresso gratuito

Possessori MyFE Card € 3


Tariffe e agevolazioni

www.castelloestense.it


Visite guidate

Adulti con diritto al biglietto ridotto € 4.
Dai 6 ai 18 anni € 3


Prenotazioni visite guidate

tel. +39 0532 244949

diamanti@comune.fe.it

Informazioni

tel. +39 0532 299233
castelloestense@comune.fe.it